Un elefante nel mio letto

© Ilaria - 9 anni

 

Puoi trovare questo racconto sul libro Fiabicon in vendita su internet !!


 

UNA SERA, DOPO CENA, ANDAI A LETTO E SOGNAI. ERO IN UNA JUNGLA, AVEVO UN BUFFO NASO, UN GONNELLINO DA FEMMINUCCIA ED UNO SMALTO ROSA. 

DOPO AVER SCOSTATO LE ULTIME LIANE VIDI UN CARTELLO: TUNGA BATUNGA.

PENSAI CHE FOSSE IL NOME DELLO STRANO POSTO IN CUI ERO FINITO.

NOTAI CHE NON C’ERANO PERSONE, MA SOLO ANIMALI E LA COSA PIU’ STRANA ERA CHE CAPIVO LE

LORO
PAROLE: PARLAVANO DI ME E DICEVANO CHE ERO IL LORO RE E MI CHIAMAVANO TUNGABU’.

 NON CAPIVO PIU’ NULLA  E AD UN CERTO MOMENTO ARRIVO’ UN ELEFANTE CHE,

 PRESENTANDOSI COME PEPPUNGA, MI DISSE: CIAO TUNGABU’, PORTO BRUTTE NOTIZIE, TUNGATORO CI VUOLE ATTACCARE, DEVI PREPARARE UN ESERCITO.

COSA? -RISPOSI, IO NON SO NULLA DI QUESTA CITTA’, COSA DEVO FARE?

- ORA TI SPIEGO, DISSE PEPPUNGA, QUESTO E’ IL TUO POPOLO, TU SEI IL NOSTRO RE ED IO

SONO IL TUO CONSIGLIERE.

–E COSA DEVO FARE?-

-DEVI COMBATTERE TUNGATORO E CI DEVI SALVARE.

- OK, ANCHE SE NON SO CHI SIETE, MI IMPEGNERO’ PER AIUTARVI.

- COSI’ INDOSSAI L’ARMAURA CHE PEPPUNGA MI PORGEVA, SALII IN GROPPA AD UNA TIGRE E MI LANCIAI NELLA BATTAGLIA. COMBATTEMMO FINO A QUANDO SUCCESSE UNA COSA, MI CADDE IL GONNELLINO.

ALLORA SENZA FARMI VEDERE ANDAI VIA, CERCAI DEI VESTITI MA NE TROVAI SOLO UNO DA DONNA.

LO INDOSSAI, ERO
RIDICOLO, SEMBRAVO LADY GAGA!

RITORNAI IN BATTAGLIA MA, ALL’IMPROVVISO MI SVEGLIAI E CAPII CHE ERA STATO SOLO UN SOGNO.

MA GIRANDOMI TROVAI ACCANTO A ME PEPPUNGA, L’ELEFANTE.

 

A VOLTE IL CONFINE TRA SOGNO E REALTA’ E’ MOLTO PICCOLO!

 
 

Lp©m
Rielaborazione del racconto di Ilaria - con il permesso di metterlo on-line.
Grazie !


 

Bambini    Menu